Tribulus e aumento del desiderio sessuale nella medicina Ayurvedica

Nella medicina Ayurvedica, il Tribulus è impiegato per curare disturbi appartenenti alla sfera sessuale, come l’infertilità, il calo del desiderio, l’impotenza. Oltre ad essere considerato un potente afrodisiaco in diverse zone del mondo, il suo uso è apprezzato in ambito sportivo per il recupero della forza in casi di astenia e debolezza. Il nome della pianta deriva da “tribolo”, uno strumento tetraedrico in uso dagli antichi romani dovuto probabilmente alla forma delle spine.

Vediamo nel dettaglio l’uso del Tribulus per l’aumento del testosterone e della forza nella medicina Ayurvedica.

Partiamo anzitutto col capire cos’è la medicina ayurvedica.

“Ayurveda” è un termine sanscrito (आयुर्वेद) il cui significato è “scienza della conoscenza e della vita”* o semplicemente “scienza della vita”* contemplando una sorta di filosofia di vita piuttosto che una semplice disciplina medica, il cui obiettivo è il benessere umano a 360°: fisico, psichico e spirituale.

Le origini dell’Ayurveda sono fatte risalire ai Veda, testi sacri indiani e, nello specifico, le tracce di conoscenza medica sono riscontrabili a prima del V sec. A.C. nell’Atharva Veda (un’antica collezione di 20 libri con 730 inni e rituali e circa 6000 mantra, cuore delle scritture vediche induiste).*

La Medicina Ayurvedica è oggi tra le più diffuse nel sub continente indiano ed è considerata la medicina tradizionale, con ospedali presenti in ogni zona del paese. Dal 2015 è stata integrata nel sistema sanitario nazionale.

“Il fine dell’ayurveda è quello di preservare la salute di chi sta bene e di alleviare le sofferenze di chi sta male.” (CA. SU. XXX, 26).

Le doti afrodisiache del Tribulus- Gokhshura nell’Ayurveda

La pianta del Tribulus Linn è nota in campo ayurvedico come “Gokhshura” ed è originaria dell’India e di alcune zone dell’Africa. Come già detto, è  segnalata nell’Ayurveda per le sue varie  proprietà cliniche, da qui diverse ricerche riguardanti le sue caratteristiche chimiche e farmacologiche (A Review On The Ayurvedic Herb Tribulus Terrestris L.M.D. Ukani, D.D. Nanavati, and N.K. Mehta).

Vi sono, poi, molti studi che suggeriscono come il Tribulus, sia favorevole all’innalzamento del livelli di testosterone e all’aumento della libido, sia negli uomini sia nelle donne. Si tratta sostanzialmente, nella maggior parte dei casi, di studi in provetta e sugli animali, molto promettenti, ma non solo*.

Infatti, tra le ricerche effettuate su esseri umani, troviamo uno studio pubblicato sul National Library of Medicine (Pro-sexual and androgen enhancing effects of Tribulus terrestris L.: Fact or Fiction)* ed effettuato su uomini con un ridotto desiderio sessuale, con il seguente risultato: l’assunzione di 750-1.500 mg di “gokshura” al giorno per un periodo di 2 mesi ha aumentato il desiderio sessuale del 79%.

In un altro studio* su 45 donne in post menopausa con bassa libido sono stati somministrati 750 mg di Tribulus ad alcune partecipanti ogni giorno per 17 settimane e ad altre placebo.

Le partecipanti che hanno assunto la Gokshura hanno avuto un aumento significativo del desiderio sessuale e dell’eccitazione, nonché una riduzione del dolore durante il sesso, rendendo più facile per loro raggiungere l’orgasmo, rispetto a quelli che hanno assunto un placebo.*

Molti medicinali ayurvedici includono questa pianta nelle loro formulazioni per la capacità di aumentare la libido femminile e maschile e al contempo per trattare i casi di infertilità.*

Prova subito gli effetti sorprendenti del Tribulus in associazione alla Moringa.

L’indicazione afrodisiaca del Tribulus nell’Ayurveda è chiamata Virshaya

Nell’Ayurveda, il Tribulus ha vari nomi riferiti alle specifiche indicazioni mediche (Rasa, Guna, Vipaka, ecc.); quella riferita alle indicazioni afrodisiache è “Virshaya”, mentre quella riferita all’aumento della forza e al “nutrimento del corpo” è “Brihmana”. *

La Gokshura (Tribulus) è presente negli antichi testi, come detto, con diversi nomi in sanscrito, in base alla cura. Le sue proprietà sono quelle di “purificare vata e pitta dosha” nel corpo, cioè due delle tre sostanze vitali che per l’Ayurveda fanno parte dell’apparato psico somatico di ogni persona, chiamata anche “Dottrina del Tridosha”, basata sui cinque elementi (acqua, fuoco, terra, aria ed etere – spazio in cui può essere contenuta la materia):

  1. Vata, rappresenta l’energia cinetica ed è composta dagli elementi aria ed etere e governa tutti i movimenti del corpo;
  2. Pitta, l’energia del metabolismo, composta da acqua e fuoco, rappresenta il calore ed è identificata con la bile, la digestione;
  3. Kapha, energia della coesione, composta da terra e acqua e controlla le finzioni immunitarie.

Concludendo, la medicina auyrvedica e quella cinese hanno introdotto da molto tempo il Tribulus come rimedio naturale per migliorare le problematiche legate alla sfera sessuale maschile e femminile e favorire la libido e al contempo, dare una sferzata d’energia al metabolismo.

Nello specifico, la medicina cinese* ha impiegato questo rimedio per la protezione del fegato e del tratto urinario anche se l’uso occidentale è legato soprattutto allo stimolo degli ormoni sessuali e alle sue presunte o confermate potenzialità afrodisiache.

Nella medicina ayurvedica la Gokshura è associata soprattutto alle potenzialità curative nei confronti della libido maschile e femminile, per favorire la diuresi e contrastare altre problematiche legate all’apparato urinario, grazie all’elevato contenuto di potassio.

Tribulus e Proprietà tonico – energizzanti contro debolezza e astenia

La presenza delle saponine steroidee sarebbe alla base della capacità di stimolazione sessuale e spermogenica del Tribulus. Una sua presenza è registrata in particolare nei semi della pianta, in forma di protodioscina, una molecola in grado stimolare la secrezione di un ormone luteinizzante (LH) nell’uomo e nella donna di un ormone follicolostimolante (FSH).

L’impiego di questo rimedio in caso di fertilità e impotenza è spiegato per la sua capacità di produrre sperma, con l’aumento della secrezione di testosterone nel testicolo dell’uomo e ricadute positive dal punto di vista dell’energia, per chi frequenta palestre o semplicemente necessita di un tonico per contrastare episodi di debolezza e astenia.

Anche se nella medicina Ayurvedica si tratta di un rimedio usato da secoli, non vi sono, nella medicina occidentale, evidenze scientifiche definitive.

In conclusione, gli integratori a base di tribulus sono consigliati per aumentare la libido sia maschile sia femminile e contrastare la disfunzione erettile e il calo del desiderio, seppur in questi campi siano necessarie ulteriori conferme scientifiche.*

Ricevi una sferzata di vitalità grazie all’integratore alimentare con Tribulus Terrestris e Moringa.

 

Riferimenti

*https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3331096/pdf/ASL-17-144.pdf

*https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11618829/https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3331096/

*https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26727646/

*https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27760089/

*https://www.easyayurveda.com/2012/10/19/tribulus-benefits-dosage-side-effects-medicines-ayurvedic-details/

*https://www.healthline.com/nutrition/gokshura-benefits#Emerging-gokshura-health-benefits

*https://www.humanitas-care.it/news/la-salute-sessuale-delluomo-prevenzione-diagnosi-e-cura/

*https://www.paginemediche.it/benessere/sesso-e-sessualita/tribulus-terrestris-la-pianta-afrodisiaca-per-migliorare-la-sfera-sessuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *