Candida e alimentazione: gli alimenti da evitare

La candida è un fungo, responsabile di un’infezione (la candidosi) che si manifesta per lo più in forma lieve attraverso sintomi facilmente curabili. La candidosi può essere provocata da stress, calo delle difese immunitarie, terapie antibiotiche o rapporti sessuali con partner infetto.

Va tenuto conto come l’infezione in sé non venga mai debellata definitivamente, poiché la candida è naturalmente presente nell’organismo: le cure farmacologiche servono soltanto a limitare la proliferazione del fungo.detergente_intimo_naturale_ecobio_moringa_redmoringa

Candida e alimentazione: quali sono gli alimenti da evitare?

Una dieta specifica, da sola, non è in grado di debellare la candidosi ma può contribuire a limitare la proliferazione dell’infezione micotica. Nello specifico, è necessario ridurre il più possibile l’assunzione di zuccheri raffinati, poiché rappresentano il principale nutrimento del fungo che veicola l’infezione. Al contempo, non bisogna privare l’organismo del fabbisogno nutrizionale di cui necessita.

Pertanto, gli alimenti da evitare maggiormente sono: cioccolato, yogurt zuccherati, dolci, bevande alcoliche o zuccherate, aceto, cibi ricchi di conservanti o affumicati, lievitati e prodotti da forno (pane, pasta o pizza) e formaggi (stagionati, a pasta dura o con la muffa). È consigliabile ridurre fortemente anche il consumo di caffè e cibi grassi, fritti o molto speziati.

Candida e dieta alimentare: i cibi consigliati

Per quanto riguarda i cibi consigliati, pasta e riso integrali, così come il pane senza lievito, possono essere ottime alternative ai carboidrati e ai lievitati più comuni. In aggiunta, è bene consumare un’adeguata quantità di verdura, pesce, uova e carni magre. A questi alimenti è possibile aggiungere yogurt non zuccherato, formaggi freschi, caffè d’orzo, aglio e curcuma

Questi ultimi, in particolare, possiedono proprietà antimicotiche e per questo contribuiscono a contrastare la proliferazione della candida; stesso dicasi per i batteri presenti all’interno degli yogurt non zuccherati.

Un regime alimentare di questo tipo va seguito per un periodo di tempo variabile (tra uno e cinque mesi).

Cistite e candida alimentazione da seguire

La candidosi colpisce principalmente le donne e spesso può essere confusa con un’altra infezione molto comune tra i soggetti di sesso femminile: la cistite. Quest’ultima, però, è un’infiammazione della mucosa vescicale che presenta cause e sintomi piuttosto diversi. Ciò nonostante, per quanto riguarda l’alimentazione, candida e cistite impongono scelte molto simili; chi soffre della seconda deve seguire una dieta priva di zuccheri, grassi, carboidrati e alcolici, prediligendo frutta, verdura, legumi, uova, cereali e pesce.

Scopri la mousse detergente lenitiva contro i pruriti e i fastidi della candidosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *